"Non possiamo cambiare neppure una virgola del nostro passato, né cancellare i danni che ci furono inflitti nell'infanzia. Possiamo però cambiare noi stessi, 'riparare i guasti', riacquisire la nostra integrità perduta.

Possiamo fare questo nel momento in cui decidiamo di affrontare più da vicino le conoscenze che riguardano gli eventi passati e che sono memorizzate nel nostro corpo, per accostarle alla nostra coscienza. Si tratta indubbiamente di una strada impervia, ma è l'unica che ci dia la possibilità di abbandonare infine la prigione invisibile - e tuttavia così crudele - dell'infanzia e di trasformarci, da vittime inconsapevoli del passato, in individui responsabili che conoscono la propria storia e hanno imparato a convivere con essa."

 

(Il dramma del bambino dotato e la ricerca del vero sé, Alice Miller, Bollati Boringhieri, 1996)

 

Alice Miller (Piotrkòw Trybunalski, 12 gennaio 1923 - Saint Rèmy de Provence, 14 aprile 2010) si è occupata prevalentemente di psicologia dell'età evolutiva e degli esiti negativi che gli abusi psicofisici inflitti ai bambini e alle bambine, in particolare all'interno della famiglia, comportano nella crescita e nell'età adulta.